Superare insieme l’adolescenza: una guida empatica per i genitori

Foto dell'autore

Di Maria Dubois

L'adolescenza, questa periodo cruciale tra l’infanzia e l’età adulta, è spesso paragonato a una tumultuosa traversata in mare. I genitori, come gli adolescenti, sono talvolta sbattuti da ondate di emozioni, cambiamenti e sfide che si presentano all’improvviso. Ricordo ancora la prima volta che mia figlia, allora quattordicenne, sbatté la porta della sua camera da letto, lasciandosi dietro il profumo direciproca incomprensione. Mi sono trovato perplesso da questo comportamento che non avevo previsto, chiedendomi se stavo facendo qualcosa di sbagliato.

Navigare nelle acque mutevoli dell'adolescenza

La prima cosa di cui bisogna rendersi conto, come genitore, è che l’adolescenza è un momento di profonda trasformazione. Il corpo cambia, gli ormoni fluttuano e il cervello stesso attraversa un importante riorganizzazione. L'esperienza degli adolescenti sconvolgimenti emotivi e problemi di identità che possono portarli a sentirsi incompresi, isolati o in conflitto permanente. La buona notizia è che queste trasformazioni sono normali e con strumenti adeguati, i genitori possono aiutare i propri figli a navigare in queste acque agitate.

È essenziale iniziare capire la fonte di queste crisi. Gli adolescenti cercano di affermare la propria indipendenza, di scoprire chi sono fuori dal bozzolo familiare. Tuttavia, questa ricerca può essere venata di confusione e frustrazione, perché non sempre sanno come esprimere i propri bisogni o le proprie emozioni. Mia figlia lo era spesso rabbia senza motivo apparente. È stato solo dopo diverse discussioni aperte che abbiamo capito che era stressata da lei risultati scolastici e il pressione sociale.

Leggi anche:  Controlli parentali creativi: coltiva la fiducia e l'autonomia digitale dei tuoi figli

guida per l'adolescenza

Promuovere l'ascolto e la comunicazione

Uno dei pilastri della sostegno genitoriale durante l'adolescenza è l'ascolto attivo. Gli adolescenti hanno bisogno di sentirsi ascoltati e compresi senza giudizio. Ciò comporta mettere giù il telefono, spegnere la televisione e sintonizzarsi. attenzione totale a tuo figlio quando si apre. Quando mia figlia ha finalmente deciso di parlarmi delle sue preoccupazioni, ho fatto del mio meglio per ascoltarla senza interrompere, offrendomi solo parole di conforto e incoraggiamento. Può sembrare semplice, ma la qualità di questo ascolto ha aperto la porta a conversazioni più profonde in seguito.

È inoltre fondamentale adottare a linguaggio acritico. Gli adolescenti sono sensibili ai commenti che possono sembrare accusatori o condiscendenti. Invece di dire: "Non finisci mai i compiti in tempo", prova: "Ho notato che sembri stressato per i compiti". Come posso aiutarla ? ". Questo approccio dimostra che sei lì per supportare, non per giudicare.

Mantieni i confini della cura

L'adolescenza non significamancanza di regole, ma piuttosto un adeguamento dei limiti per rispettare la crescente desiderio di indipendenza. Gli adolescenti spesso mettono alla prova i confini, non necessariamente per sfidare l’autorità, ma per comprendere la propria libertà. Quando mio figlio ha iniziato a chiedere più serate fuori, ho capito che dovevo trovare un equilibrio tra protezione e libertà. Invece di divieti assoluti, insieme stabiliamo tempi di restituzione ragionevoli e discutiamo le conseguenze in caso di violazioni.

I confini devono essere chiari, coerenti e spiegati. Imporre una regola senza spiegazione può essere visto come arbitrario. Quando un adolescente comprende il ragionamento alla base di un limite (come l’importanza di dormire abbastanza per avere successo a scuola), è più probabile che lo rispetti.

Leggi anche:  Come coltivare un ambiente favorevole per i bambini: educazione positiva

Coltivare l'autostima

Gli adolescenti sono particolarmente vulnerabili confronti sociali e dubbi su se stessi. Incoraggiare un’immagine di sé positiva è la chiave per aiutarli a navigare in questo momento. Questo può essere fatto da riconoscendo i loro sforzi e successi, per quanto piccoli possano essere. Ricordo mio figlio, che aveva difficoltà nelle lezioni di matematica, ma eccelleva nel disegno. Invece di concentrarsi sui suoi difetti in matematica, l’ho incoraggiato a perseguire la sua passione per l’arte, cosa che ha rafforzato la sua fede in lui.

Sostenere le passioni e gli interessi di tuo figlio, che si tratti di sport, arte o scienza, può dargli un senso di realizzazione e uno sbocco positivo.

Superamento dell'adolescenza

Sii un modello di resilienza

Gli adolescenti imparano molto osservando gli adulti che li circondano. Mostra loro come affrontare lo stress, risolvere i conflitti e affrontare le sfide con resilienza. Se commetti degli errori (e lo farai), ammettili e mostra come impari da essi. Il giorno in cui ho dimenticato una promessa fatta a mia figlia, mi sono scusata e ne abbiamo parlato apertamente. Ha rafforzato il nostro rapporto e gli ha mostrato che nemmeno i genitori sono perfetti.

Cerca aiuto se necessario

A volte, nonostante i nostri migliori sforzi, la situazione può sfuggire di mano. Problemi comportamentali, depressione o ansia richiedono un aiuto professionale. I genitori non dovrebbero esitare a cercare a supporto esterno se il loro adolescente si presenta segni di angoscia persistente. Non c'è vergogna nel chiedere aiuto a terapista familiare o un consulente scolastico.

Leggi anche:  Indipendenza intellettuale: insegnare ai bambini a pensare da soli

Ricordo un'amica che, dopo mesi di continui scontri con il figlio, decise di consultare uno psicologo di famiglia. Questo approccio non solo ha aiutato suo figlio a gestire meglio le sue emozioni, ma ha permesso anche a tutta la famiglia di farlo comunicare in modo più efficace.

Il segreto: amore, pazienza e sostegno

In definitiva, l’adolescenza è una tempesta che prima o poi si calma. Crisi, discussioni e incomprensioni fanno parte del processo. Ma con amore, pazienza e sostegno, i genitori possono aiutare i propri figli a superare questo momento e ad emergere più forti e più uniti.

La chiave sta nel rimanere presenti, anche quando le porte sbattono e le parole prendono il sopravvento sui pensieri. Sii l'ancora stabile nel la tempesta interiore di tuo figlio. E ricorda, proprio come le onde, le crisi si placano sempre. Un giorno mia figlia uscì dalla sua stanza e disse: “Papà, penso di essere stata un po’ dura con te prima”. È in questi momenti di riconnessione che ci rendiamo conto che, nonostante le turbolenze, la barca della famiglia si sta ancora muovendo nella giusta direzione.

Lascia un commento