Comunicazione non verbale: una guida per i genitori

Foto dell'autore

Di Maria Dubois

Oh, genitorialità! Un viaggio pieno di gioia, meraviglia, ma anche infinite domande:

  • “Mio figlio mangia abbastanza? »,
  • "Perché non smette di piangere?" »,
  • "Cosa significa quello sguardo?" »…

Oggi ci concentreremo su quest'ultima domanda, avvicinandoci al vasto campo della comunicazione non verbale.

L'evoluzione della comunicazione non verbale con l'età

I bambini non sono solo comunicatori nati, ma sono anche ottimi studenti. Là comunicazione non verbale del tuo bambino crescerà e si svilupperà man mano che cresce e impara.

Bambini

I bambini hanno un repertorio limitato di comunicazione non verbale, basato principalmente sul pianto e sui movimenti del corpo. Il pianto può indicare la fame, la necessità di cambiare il pannolino o semplicemente il desiderio di un caldo abbraccio.

Bambini piccoli

Man mano che tuo figlio cresce e sviluppa le sue capacità motorie, crescerà anche la sua comunicazione non verbale. I bambini iniziano a usare gesti deliberati, come indicare, e il loro linguaggio del corpo diventerà più complesso.

Bambini in età prescolare

In età prescolare, i bambini iniziano a capire che il loro comportamento ha a impatto sugli altri. Potrebbero iniziare a usare la comunicazione non verbale per manipolare le situazioni a proprio vantaggio (conosciamo tutti lo sguardo del cane impiccato per ottenere ciò che vogliono, giusto?).

Leggi anche:  Ansia dei genitori e genitorialità positiva: una guida per i genitori

scolari

Man mano che i bambini crescono e iniziano a frequentare la scuola, il loro comprensione della comunicazione non verbale diventa più sfumato. Cominciano a capire che il tono di voce, il contatto visivo e il espressioni facciali possono cambiare il significato delle loro parole.

Questa conoscenza dell'evoluzione della comunicazione non verbale può aiutare i genitori ad adattare le loro risposte e comprendere meglio il loro bambino in ogni fase del suo sviluppo. sviluppo. Quindi il viaggio della genitorialità può diventare un po' meno confuso e molto più gratificante!

comunicazione non verbale - madre figlio

Comprensione della comunicazione non verbale nei bambini

Ogni genitore sa che i bambini sono creature incredibilmente espressive, anche prima che inizino a parlare. I loro volti, gesti e persino le loro lacrime sono tutti mezzi di comunicazione. Queste manifestazioni, che classifichiamo come comunicazione non verbale, possono aiutarci a comprendere i loro bisogni e le loro emozioni.

Tipi di comunicazione non verbale

La comunicazione non verbale rientra in diverse categorie:

  • IL Espressioni facciali : Tuo figlio sorride ampiamente o è accigliato? Queste espressioni possono indicare sentimenti di gioia o frustrazione.
  • IL Linguaggio del corpo : Un bambino che si rannicchia potrebbe aver bisogno di rassicurazione, mentre un altro che si alza dritto e distoglie lo sguardo potrebbe sentirsi turbato.
  • IL Gesti : I gesti delle mani o delle braccia possono essere una delle prime forme di linguaggio.
  • IL Contatto visivo : Uno sguardo fisso può indicare interesse o una richiesta di attenzione.
  • IL Lacrime e il Suoni : Diversi tipi di pianto possono significare cose diverse. Ad esempio, un grido forte e acuto può indicare dolore, mentre un pianto debole e lamentoso può indicare stanchezza.
Leggi anche:  Diventare Grande Fratello: Come annunciare dolcemente la gravidanza al proprio Figlio?
Tipo di comunicazioneDescrizioneEsempio
Espressioni faccialiEmozioni espresse dal voltoSorridi, cipiglio
Linguaggio del corpopostura e movimenti del corpoRannicchiati, distogli lo sguardo
GestiMovimenti della mano o del bracciomostra, punto
Contatto visivoL'intensità e la durata dello sguardoGuarda direttamente, evita di guardare
Grida e suoniI diversi tipi di suoni prodottipiangere forte, gemere
comunicazione non verbale - genitore figlio

Come rispondere alla comunicazione non verbale

Ora che abbiamo decifrato questi segnali non verbali, cosa facciamo? Ecco alcuni suggerimenti per rispondere in modo efficace alla comunicazione non verbale di tuo figlio:

  • Ascolta con i tuoi occhi : Presta attenzione ai segnali non verbali di tuo figlio e cerca di capire cosa sta cercando di comunicare.
  • Rispondi con empatia : Riconoscere le emozioni di tuo figlio può aiutarlo a sentirsi compreso.
  • Incoraggiare l'espressione : Incoraggia tuo figlio a usare gesti ed espressioni per comunicare.

Errori da evitare

  • Ignora i segnali non verbali: se tuo figlio inizia a piangere o ad agitarsi, probabilmente sta cercando di dirti qualcosa.
  • Reazione eccessiva: è importante mantenere la calma e la comprensione quando si affrontano le emozioni di tuo figlio.
  • Espressione non incoraggiante: lascia che tuo figlio esprima liberamente i propri sentimenti.
comunicazione non verbale - genitore figlio

Comunicazione non verbale ed educazione

Infine, è importante notare che anche la comunicazione non verbale può svolgere un ruolo cruciale nell'educazione di tuo figlio. Come genitori, siamo spesso dei modelli per i nostri figli e loro imparano molto dai nostri comportamenti non verbali. Pertanto, cerca di essere consapevole dei tuoi segnali non verbali quando interagisci con tuo figlio.

Leggi anche:  La famiglia mista: conflitti, difficoltà e consigli per affrontarli

In conclusione, comprendere la comunicazione non verbale può migliorare notevolmente il rapporto con tuo figlio e facilitare la genitorialità. Quindi la prossima volta che il tuo angioletto ti lancia uno sguardo perplesso, ricorda: non sei tu, è lui che sta cercando di dirti qualcosa!

Ecco un breve cheat sheet per aiutarti a diventare un professionista della comunicazione non verbale:

  1. Ascolta con i tuoi occhi e presta attenzione ai segnali non verbali di tuo figlio.
  2. Rispondi con empatia e riconoscere le emozioni di tuo figlio.
  3. Incoraggia tuo figlio a usare gesti ed espressioni per comunicare.
  4. Sii consapevole dei tuoi segnali non verbali quando interagisci con tuo figlio.

Ricorda, la genitorialità è un'avventura, non una destinazione. Quindi goditi il viaggio, anche se a volte devi tradurre il linguaggio non verbale di tuo figlio lungo la strada!

Lascia un commento